Vai al contenuto della pagina

Programma e destinatari

Programma e destinatari

Il Piano di Rilancio del Nuorese è il frutto di un lavoro complesso e articolato in vista dell’assegnazione di circa 55 milioni di risorse pubbliche. Un modello di programmazione degli interventi con elementi di novità: tutte le proposte sono nate sulla base di un confronto nel territorio. I progetti sono passati al vaglio di un gruppo di valutazione costituito da tecnici degli assessorati regionali. Le proposte valutate positivamente sono state poi esaminate dalla Cabina di Regia costituita dalla Regione (rappresentata dall’assessore Filippo Spanu, coordinatore del Tavolo partenariale), dalla Provincia, dai rappresentanti degli enti locali, della Confindustria e dei sindacati. Poi i progetti approvati sono confluiti in un accordo di programma sottoscritto da tutti i soggetti coinvolti.

Con il Piano la Regione interviene nel mondo dell’istruzione, nelle infrastrutture, nell’ambiente e nella cultura, nel settore manifatturiero, nell’agroalimentare e nella formazione per porre le basi di uno sviluppo duraturo in sintonia con peculiarità e le reali vocazioni del territorio. I progetti scaturisce un processo condiviso sulla base delle effettive esigenze manifestate dalle comunità con un modello di programmazione dal basso e il totale coinvolgimento delle migliori energie del territorio, un modello valido e replicabile in altri contesti".

Il Piano nasce dunque con la finalità di delineare un nuovo scenario di sviluppo per i comuni del territorio. Strategie e interventi sono il frutto di un confronto lungo e articolato tra Regione, Provincia, amministrazioni comunali e soggetti del partenariato economico e sociale.
Lo Schema di Protocollo di Intesa e linee di indirizzo per l'attuazione sono state approvate con la deliberazione della Giunta regionale n. 38/2 del 28 giugno 2016.

L’accordo di programma quadro, con il quale viene dato concreto avvio ai progetti, è stato sottoscritto il 9 ottobre del 2017, a Nuoro, dal presidente della Regione Francesco Pigliaru e dall'Assessore degli Affari Generali Filippo Spanu, con i soggetti istituzionali coinvolti (Provincia, Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane) l’Accordo di Programma con il quale viene dato concreto avvio ai progetti.
Successivamente sono stati approvati dalla Giunta regionale due atti aggiuntivi all'Accordo di Programma Quadro originariamente stipulato, con i quali sono stati approvati nuovi progetti.

Consulta i documenti:
Delibera n. 38/2 del 28 giugno 2016
Protocollo di intesa
Piano di rilancio
Deliberazione della Giunta regionale 46/5 del 3 ottobre 2017, con la quale è stato approvato l'Accordo di Programma [file.zip]
Deliberazione della Giunta regionale n. 5/1 del 1 febbraio 2018, con la quale è stato approvato il I’Atto aggiuntivo all'Accordo di Programma Quadro [file.zip]
Deliberazione della Giunta regionale n. 29/1 del 7 giugno 2018, con la quale è stato approvato il II Atto aggiuntivo all'Accordo di Programma Quadro [file.zip]