Vai al contenuto della pagina

Manifatturiero

Manifatturiero

In un territorio come quello nuorese, gravato da svantaggi competitivi infrastrutturali, lo sviluppo delle aziende è fortemente limitato dalla difficoltà di capitalizzazione e accesso al credito e dal peso del cuneo fiscale. La pesantezza e la lentezza burocratica, la carenza nei servizi di governance e l’insufficiente decentramento di funzioni e servizi di livello regionale in ambito locale, assieme alla presenza di misure di incentivo allo sviluppo aziendale (spesso poco tarate sulla reale natura e composizione del tessuto produttivo locale) hanno portato a un aggravamento del ritardo competitivo delle imprese.

A questo si aggiunge un costo dell'energia altissimo e un regime di fiscalità delle aree industriali particolarmente onerosa. Inoltre, l'eccessiva burocratizzazione nelle procedure autorizzative e i tempi incerti e lunghi nell’erogazione delle agevolazioni pubbliche, contribuiscono a definire le condizioni di scarsa competitività del territorio. La difficoltà nell'attrarre nuove imprese che non trovano le condizioni economiche e competitive per l'insediamento e la presenza di numerosi capannoni in disuso o soggetti a procedure fallimentari per i quali si rileva una grande difficoltà nelle procedure di conversione e nuovo utilizzo è accompagnata da una forte carenza nei settori della ricerca e dello sviluppo tecnologico.

La scarsità di investimenti in termini di innovazione, ricerca e sviluppo fa si che le imprese non siano abbastanza competitive sui mercati nazionali ed esteri e che, qualora intendano investire in settori innovativi si trovino prive di supporto e sostegno.

Obiettivo del Piano è quello di migliorare le condizioni di crescita e favorire la competitività delle imprese anche attraverso l'avvio di azioni di innovazione e supporto alle aziende, recupero e riutilizzo di capannoni dismessi, riconversione ed efficientamento al fine di rigenerare le aree industriali abbandonate, creare condizioni di innovazione e sviluppo e ricollocare i lavoratori espulsi dal mondo del lavoro, rilanciare comparti produttivi e le aree industriali in termini di competitività, qualità e innovazione; realizzare reti che consentano il monitoraggio, il controllo e la comunicazione dei dati della distribuzione elettrica sia nelle parti di consumo che di produzione rinnovabile, al fine di integrare la generazione distribuita, ottimizzare i consumi e fare un uso intelligente dell’energia; supportare le piccole filiere produttive rafforzando la relazione territoriale tra produzione e commercializzazione, attraverso la sinergia e lo sviluppo delle comunità.

Quali azioni specifiche a beneficio del comparto manifatturiero sono stati proposti:
1. Supporto alle imprese, competitività e innovazione;
2. Rilancio aree industriali e insediamenti produttivi;
3. Interventi a supporto della filiera del marmo di Orosei;
4. Piano di adeguamento delle infrastrutture;
5. Formazione.

Consulta l'elenco dei progetti ammessi [file.pdf]

  • CONDIVIDI SU: